close x

I social indispensabili per l’hotel

social in cui un hotel deve essere

Ecco un post per chi ha poco tempo di “aggiornarsi” sul mondo social.

Gioco d’anticipo parlando di tempo perché è il primo argomento sulla bocca di (quasi) tutti i Direttori e Manager di hotel quando sentono parlare di facebook & Co.

Per questa lettura investirete solo 5 minuti del vostro tempo.

NON tutto ciò che è gratis deve essere poco importante o di bassa qualità.

Gestire la comunicazione e la presenza nei social è gratuito, ma quello che può davvero fare la differenza è ciò che andiamo a postare e come lo facciamo. Solo cercando di capire i benefici che se ne possono trarre in ritorno di immagine, conoscenza del brand, fidelizzazione del cliente, raggiungimento di nuovi target e, perché no, conversioni in prenotazioni, si può essere predisposti all’investimento di tempo per la gestione di questi canali.

Analizziamo per ordine i social in cui l’hotel deve essere presente e…attivo!

Tripadvisor

E’ il social per eccellenza dell’hotellerie e non può essere trascurato. Riporto solo due dati di un’indagine che “parlano” da soli:

Il 49% delle persone NON prenotano un soggiorno in una struttura priva di recensioni

L’83% dei viaggiatori intervistati consulta abitualmente o sempre le recensioni su Tripadvisor prima di prenotare un hotel.

Essere presenti e rispondere alle recensioni sia positive che negative, se non lo è già, deve diventare uno dei must di qualsiasi esercizio ricettivo perché la maggior parte delle persone si fida dei commenti nella rete e probabilmente la “guerra” alle recensioni false riguarda più gli albergatori che i clienti.

Facebook

E’ il social più diffuso al mondo, in cui sono presenti aziende di diversi settori e persone di diverse età, interessi e provenienza.

Avendo di fronte un pubblico potenziale molto elevato, il problema su questo social è riuscire a far vedere i post dell’hotel ai fan. Il sovraffollamento di informazioni e le evoluzioni dell’algoritmo di facebook hanno infatti diminuito sensibilmente la portata dei fan raggiunti dai post pubblicati nelle pagine.

Il solo modo per aumentare tale dato è ottenere l’interazione delle persone!

Google+

Google + è il nuovo social network di Google che è bene iniziare a gestire nel modo corretto anche se è ancora poco frequentato.

Il beneficio maggiore dell’essere presenti e attivi in questo social è il valore che si acquisisce in termini SEO e di posizionamento all’interno del motore di ricerca.

Da quando Google+ è stato integrato a Google Places (le mappe di Google), il ruolo di questo social è diventato fondamentale per la SEO.

Infatti a differenza delle vecchie schede di Google Places, le nuove pagine Google+ sono interamente indicizzate e fanno quindi parte dei risultati organici.

Inoltre Google Hotel Finder è strettamente collegato alla presenza dell’account Google+ quindi essenziale per le strutture alberghiere.

Twitter

Twitter non è un vero e proprio social network, ma un microblogging.
Il grande interrogativo di questo social è: a cosa può servire?

E’ possibile utilizzarlo per aggiornare i follower in tempo reale su una situazione che si sta svolgendo presso l’hotel.
Altra funzione interessante e particolarmente adatta per questo social è quella di customer care.
Gli ospiti infatti potrebbero utilizzare il proprio account twitter per inviare dei messaggi alla reception. Possono essere messaggi privati oppure scritti direttamente nella bacheca del villaggio menzionandolo con l’uso del simbolo @ oppure utilizzando degli # ashtag precisi che vengono comunicati al check in.

Interessante anche la possibilità di sistemi per “pagare” con un tweet o un post su facebook in cambio di un coupon sconto da presentare alla reception. Ad esempio: http://www.paywithatweet.com/

Pinterest

E’ un social network dedicato alle immagini che si basa sul concetto di interesse.
Pinterest è utile quindi sia per “far vedere” l’hotel, ma anche per divulgare pacchetti offerte.

Oltre a immagini rappresentative del villaggio, su questo network, è possibile creare delle bacheche (boards) per interesse.

Un obiettivo perseguibile su Pinterest è il raggiungimento di nuovi target. Basandosi infatti sul concetto di interesse infatti è possibile creare bacheche non strettamente riguardanti l’hotel, ma attività e passioni correlate. Un hotel in collina ad esempio potrebbe dedicarsi al running e un hotel di mare al kitesurf.
Un hotel in una villa o location suggestiva potrebbe creare una bacheca sui matrimoni; un hotel di Milano un approfondimento sulla moda.

Youtube

Fino a qualche tempo fa non era indispensabile avere un account su youtube, nè tantomeno avere un canale.

Dati statistici rivelano che i video che mostrano marchi permettono alle persone di memorizzare più facilmente un brand, di conseguenza avere un canale video dell’hotel (con video di convegni, manifestazioni, arrivi di ospiti importanti) può aiutare a far conoscere la struttura ad un segmento solito a fare ricerche su youtube.

Youtube è utile anche per fare linkbuilding: più video saranno inseriti con title, keyword e descrizioni, più probabilità avrete di avere una buona posizione su Youtube e sui motori di ricerca.

I video inoltre dovranno riportare il link al sito web, creando così un link in entrata, sempre utile al posizionamento.

 

Se avete dubbi particolari o la lettura ha portato a qualche curiosità, please comment 🙂

Chi è 

Condividi questo articolo.Share on Facebook32Tweet about this on TwitterShare on Google+4Share on LinkedIn0

facebook hotel Senza categoria social media hotel0 comments

Leave a Reply