close x

Ma ‘ndo vai (se la wi-fi non ce l’hai)

connessione hotelIndipendentemente dal numero di stelle e dalla location dell’hotel, i due servizi più commentati da parte degli ospiti su Tripadvisor, e sugli altri siti di recensioni, sono in ordine:

      1. La colazione
      2. La connessione wi fi

Negli ultimi anni l’utilizzo di dispositivi mobile con connessione web è cresciuto dal 28% nel 2010 al 76% nel 2013. Infatti l’uso di smartphone o tablet è entrato a far parte delle abitudini di tutti, ragazzi o adulti, vacanzieri o viaggiatori business.

Quindi il concetto su cui focalizzarsi oggi non è più se avere o meno il wifi, ma la velocità e le prestazioni della linea.
Le aspettative del cliente quando alloggia in hotel sono sempre più elevate del servizio che può ottenere a casa propria. Quando mangiamo al ristorante vogliamo mangiare meglio che a casa, giusto? E’ lo stesso concetto che andrebbe applicato oggi, quasi nel 2014, alla connessione internet.

Pensiamo ad una famiglia italiana in vacanza: genitori e due figli. I dispositivi in loro possesso potrebbero essere: uno smartphone a testa, un pc, un tablet… e sono già 6 device da collegare a internet (e possibilmente in fretta).

La banda dell’hotel deve essere quindi sufficiente per far connettere tutti ad una velocità sostenibile e la connessione deve essere facile, senza richieste troppo tediose, form da compilare troppo lunghe o password che scadono o che non si possono utilizzare su più di un dispositivo.
(e i clienti insoddisfatti su questo aspetto non ci mettono mai troppo tempo a connettersi ad una rete per inserire delle recensioni negative)

Un sondaggio presentato al BTO a inizio dicembre, riportava che l’86% degli intervistati si aspetta di trovare la connessione free e il 9% sarebbe disposto a pagare di più per una connessione Premium più performante.

Quindi è chiaro a tutti che i clienti sono esigenti e che il wi fi è da considerarsi essenziale.
Cosa deve fare quindi il management di un hotel?

  • – Investire nella connessione wi fi
  • – Essere chiari e spiegare il servizio offerto nel proprio sito

Solo il 32% dei siti dice se il servizio è presente o meno e in pochissimi lo descrivono.
E’ gratuito? Che banda di connessione è a disposizione degli utenti? Qual è la procedura per connettersi?

Tutti i siti dovrebbero avere una pagina dedicata che sia esaustiva sull’argomento e il consiglio è di dare gratuitamente la connessione a tutti i clienti, magari offrendo un pacchetto “high level” a pagamento per avere prestazioni migliori.

Chi è 

Condividi questo articolo.Share on Facebook13Tweet about this on TwitterShare on Google+1Share on LinkedIn0

Blog tecnologie0 comments

Leave a Reply