close x

Netbooking – News novembre 2016

Piani derivati a “cascata”

Da oggi è possibile derivare e associare un piano tariffario ad un altro che a sua volta è derivato ed associato ad un terzo piano.

Questo significa che in fase di creazione di un nuovo piano, con l’opzione “duplica da un altro piano”, sarà possibile scegliere anche tra i piani a loro volta duplicati e associati ad un altro piano, continuando a mantenere le associazioni originarie.

piani-derivati-a-cascata

 

piani-derivati-a-cascata-2

In pratica, permettiamo un ulteriore livello di associazione tra piani:

PIANO A -> PIANO B (associato ad A) -> PIANO C (associato a B)

I prezzi dei piani verranno calcolati partendo dal PIANO A “a cascata” su B e C seguendo le percentuali/variazioni scelte nell’ordine delle associazioni, cioè applicando prima la variazione del primo livello (tra A e B) e poi quella del secondo (tra B e C).

Esempio:  

A—-> B (-10%) —> C (-5€)

I prezzi del piano B saranno sempre pari al 90% dei rispettivi prezzi di A.
C avrà i prezzi di B, ma con 5 euro in meno. Questo vale naturalmente sia per i prezzi dei periodi che per le variazioni giornaliere. Ogni variazione dei prezzi nel tempo terrà ovviamente conto di queste due associazioni, garantendo il giusto calcolo dei prezzi.

Naturalmente ogni variazione sui periodi di A verrà automaticamente “propagata” e replicata su B e C, in maniera coerente alle regole di associazione.

A loro volta le politiche di cancellazione, le regole di variazione occupanti e le policy dei vari piani seguiranno anche loro la derivazione a cascata rispettando i “flag” scelti durante le varie associazioni e restando, come al solito, indipendenti e modificabili laddove non “flaggati” come associati.

piani-derivati-a-cascata-3