close x

Transactional email: l’occasione fa il marketing furbo

transactional-email-marketing-hotelSpesso si discute dei massimi sistemi: la presunta concorrenza sleale di Booking.com, la consolidata “falsità” di Tripadvisor, l’ingannevole algoritmo di Facebook e di Google, ma io credo che per costruire edifici di marketing e vendita solidi sia necessario partire dalle fondamenta.

Acquistare la camera di un albergo è spesso un percorso fumoso: fino al giorno in cui non mi daranno la camera vivo sapendo di aver comprato il niente. 

Certo, ho visto delle belle foto e ho acquistato ad un prezzo definito Best Available Rate… ma pochi albergatori sanno riempire di fiducia e affidabilità il tempo che intercorre dall’atto della prenotazione fino alla data del mio soggiorno. Ma che Booking.com sa fare benissimo.

Molti albergatori che si affannano con sofisticati strumenti revenue e si svenano acquistando keyword sono gli stessi che mandano una mail di conferma con poche e spesso tristi, anonime righe.

Viaggiare in lungo e in largo mi ha convinto che quel che può far la differenza è proprio questo tempo che intercorre tra la data della prenotazione e quella del mio arrivo.

Ho trovato alberghi che mi hanno ignorato fino al giorno del mio arrivo e altri che, sebbene avessi prenotato attraverso un intermediario, mi hanno caldamente accolto con una mail di rassicurazione e poi più in là ancora mi hanno ricordato che potevo fare un upgrade o prenotare il ristorante, mi hanno dato un numero da chiamare se avessi voluto informazioni ulteriori, mi hanno offerto l’accesso al “club” dei loro clienti (con tanti vantaggi) e illustrato le bellezze del luogo.

Sono quelle che nel marketing si chiamano “email transazionali”, spesso più efficaci di quelle promozionali, perché attese dai clienti a conferma dei loro acquisti e che nessuno cestinerà almeno fino al giorno dell’arrivo in hotel.

Sono il 4% delle email inviate ma producono fino il 40% delle vendite totali: immaginate il volume di informazioni che possiamo trasmettere, inclusi i link al sito o al nostro profilo facebook.

Il 70% di queste email viene letta entro 3 ore dalla consegna: sono personali, dirette e altamente segmentate.

Esiste un modo migliore per profilare i clienti e offrire loro i vostri servizi e prodotti? Probabilmente, ma perché non cominciare a sfruttare quello che si ha già “in casa”? Dotandosi magari di un sistema di email marketing all’avanguardia e altamente performante. Come e-marketing.

Cos’è e-marketing

Il servizio, integrato al PMS Scrigno o disponibile stand-alone, è una piattaforma online che aiuta le aziende a gestire in modo professionale ed efficiente l’invio di newsletter e messaggi di direct marketing.

I punti di forza
• affidabile anche su volumi elevati
• interamente web-based
• semplice da utilizzare
• conforme alla normativa sulla privacy
• contratto che consente invii illimitati
• personalizzabile e flessibile
• tecnologicamente avanzato
• internazionale
• certificato contro i filtri antispam
• multicanale
• integrabile ai social media

scopri di più sul sito GP Dati >

 

CONTATTACI

Chi è 

Condividi questo articolo.Share on Facebook4Tweet about this on TwitterShare on Google+2Share on LinkedIn2

Blog ecommerce tecnologie0 comments

Leave a Reply