B2B su Instagram: si può fare?

instagram-B2B

Quando pensiamo alle piattaforme social da sfruttare per il B2B, Instagram non figura certo alle prime posizioni. Invece, soprattutto se usato correttamente e con un po’ di creatività, instagram potrebbe stupirci.

In che modo?

Soprattutto per gli hotel l’argomento si fa interessante: su Instagram si catturano clienti e ospiti, ma si possono allacciare rapporti anche con fornitori e colleghi. Tutto è lecito, per promuovere il proprio business, vediamo come.

Prima di tutto, perché su Instagram la bontà dei contenuti ripaga, o meglio: cattura l’occhio del compratore. Instagram è un ottimo strumento per fare branding e coltivare la brand awareness, ovvero attirare l’attenzione sul brand, sui suoi contenuti e sui prodotti che “mettiamo in vendita”.

Gli strumenti che mette a disposizione la piattaforma sono vari e in continuo aggiornamento: stories, link in bio, la possibilità di creare un mini shop all’interno della piattaforma (a pagamento) su cui vendere i propri prodotti… come Facebook, anche Instagram si sta tenendo aggiornata con un occhio di riguardo alle feature orientate all’e-commerce, non solo B2C.

In secondo luogo, Instagram è perfetto anche per fare networking. Molto più smart di Linkedin, ad esempio, molto più immediato. I follower si conquistano con le belle immagini (di prodotto) e si affascinano raccontando delle storie, coinvolgendoli, rendendoli partecipi. Della vita in hotel, di come si trovano gliospiti da noi, della bellezza di dimorare nelle stanze del nostro hotel… questi sono solo pochi esempi, in realtà spaziando con la fantasia si apre un mondo.

Abbiamo parlato più volte della hotel experience: Instagram è la piattaforma ideale per raccontarla, o per mostrare ai vostri partner come potrebbero raccontarla assieme a voi. Le vie dello storytelling sono infinite, perché non sfruttarle insieme ai fornitori? Qualche idea? Mostrate i prodotti della linea cortesia, non solo nel loro setup ordinario, ma fra le mani dei vostri ospiti, raccontate in che modo state cercando di migliorare il confort delle camere o i servizi che offrite (attraverso le partnership, ad esempio), coinvolgete e stimolate non solo i clienti ma anche i collaboratori a parlare di voi su quel social.

Come abbiamo già detto più volte, poi, cerchiamo di tenere d’occhio il sistema in cui si inserisce questo canale: Instagram è un’ottima piattaforma per fare comunicazione e ottenere un certo tipo di risultati, ma non fa tutto da sola. Mentre ci organizziamo per ottenere risultati, quindi, faremmo bene a non dimenticare il resto del content hub in cui inserire e sfruttare questo canale per i nostri intenti.

Con queste premesse, vediamo insieme quali sono dunque gli obiettivi che si dovrebbe prefissare un brand per fare B2B su Instagram:

  • Coinvolgere la propria audience e convincerla a interagire con i suoi contenuti (si possono utilizzare le stories, e i vari strumenti a disposizione come i sondaggi, le domande, i concorsi…)
  • Fare innovazione e mostrarlo
  • Prevenire i desideri (dell’audience) e rispondere alle richieste (anche a quelle ancora inespresse)
  • Fare lead generation (ne abbiamo parlato qui, ed è possibile anche su Instagram, con un po’ di impegno)
  • Far funzionare Instagram da referral per coinvogliare traffico sul sito web aziendale (anche qui, è questione di click, e di ricordare di mettere a punto una landing page adatta a catturare e trattenere l’attenzione di chi ci approda)

Ricordandoci di stabilire obiettivi concreti e raggiungibili, vediamo infine come raggiungerli con il minore investimento di tempo e risorse:

  1. Creando una content strategy adeguata al canale, al messaggio, alla audience di riferimento (reale o in target)- qui abbiamo già dato qualche buon consiglio in merito…
  2. Investendo nella creazione di contenuti e per la promozione degli stessi che siano targettizzati, in linea con le possibilità e la filosofia dell’azienda, e possibilmente smart.
  3. Misurando correttamente le performance e correggendo la rotta, se necessario (per approfondimenti, qui)
  4. Assicurandoci che tutti gli step del processo siano integrati e studiati per minimizzare gli sforzi (di chi naviga) e massimizzare i profitti (del vostro hotel/azienda, siano essi da misurare in click verso sito o acquisti veri e propri, e quindi prenotazioni).

E se avete delle perplessità o pensate di non essere in grado di studiare la soluzione adeguata alle vostre esigenze… contattateci, siamo qui apposta!

Ispirazione per il post qui.

Related Posts