LUN – VEN 09.00 – 13:00 | 14:00 – 18:00

Image Alt

Blog

Se ci seguite già da un po', conoscete ovviamente la risposta: si, il design fatto bene del sito web del vostro hotel può influenzare le decisioni degli utenti, e quindi le prenotazioni,  e nemmeno solo “un po'”. Vediamo insieme come e perché…. Prima di partire con le nostre considerazioni, dobbiamo fare un

Nello scorso post abbiamo visto come sfruttare la pagina Facebook del proprio hotel per promuovere contenuti e interazioni che aumentino le prenotazioni dirette (sul sito web dell’hotel, non su Facebook). Abbiamo visto come la cura costante dei dettagli, la gestione consapevole, la determinazione di obiettivi e budget e la destinazione di

Una delle domande che ci sentiamo porre più spesso quando parliamo di hotel e social media (ma anche quando parliamo più in generale di hotel e prenotazioni e valutiamo opportunità e sfide fra canali) è: ma è davvero possibile fare prenotazioni dirette con l’aiuto dei social? O “peggio” ancora: come

GP Dati e hotel-LAB sono presenti anche quest'anno al BTO, giunto alla decima edizione, il 29 e 30 novembre a Firenze, alla Fortezza da Basso. Venite a seguire il nostro speech: Day TWO 30 novembre Arena INNOVATION h: 14.55 -15.25 Day TWO - 30 novembre all'Arena INNOVATION alle 14.55 TITOLO: Il decalogo per il tuo hotel

Da qualche tempo abbiamo notato come i social stiano ponendo l’accento sulla localizzazione dei servizi e dei business presenti sulle proprie piattaforme. Il cammino intrapreso ad esempio anni fa con la trasformazione dei profili privati in pagine Business (su Facebook e Google ad esempio) e continuato con l’introduzione e l’affinamento degli strumenti ads geo-targettizzati, continua ad arricchirsi di feature e opportunità sulle stesse piattaforme.

La piattaforma social più usata d’Italia (se si esclude la “concorrenza” delle piattaforme di instant messaging) ha recentemente inaugurato la sezione Marketplace, dedicata alle offerte e proposte di vendita dei propri utenti, sia privati che business.

Anche gli italiani acquistano online, ebbene si. Sembra il simpatico titolo di un film, e invece è finalmente una solida realtà: dopo il resto del mondo, anche il nostro paese – non così tecnologicamente avanzato come vorremmo- ha imparato a fare acquisti su web. E non solo: da un recente studio condotto dalla nota piattaforma di e-commerce Zalando, pare che anche gli italiani abbiano sviluppato le proprie peculiari abitudini di acquisto. Buone o cattive che siano, lo vedremo fra qualche riga… ma soprattutto, ci chiederemo come usare a nostro favore queste abitudini di acquisto, soprattutto nell’ottica di incontrare in maniera degna con la nostra Offerta, la Domanda di questi utenti e potenziali consumatori.

Chiunque abbia letto “per caso” il titolo dell’articolo, si sarà sicuramente ritrovato a rispondere: ma certo! I loyalty programs, in fatti, non sono una novità nel settore turistico anzi: sono forse un po' rètro, forse un po' acciaccati dall’uso, e in alcuni casi sicuramente necessitano di un ripensamento strategico, ma non sono certo passati di moda.