Facebook studia i trend del Viaggiatore Moderno

facebook-insigts-travel-2019

In quest’epoca di connettività estrema, dove ormai nessuno fa più nulla senza connettersi online – ai social media, principalmente, ma anche alle piattaforme di riferimento per informazione, ricerca e approfondimento – è facile rendersi conto come le stesse piattaforme possa fornire insights utili sulle abitudini degli utenti.

In particolar modo, vediamo oggi i risultati dell’ultimo report rilasciato da Facebook, (consultabile qui, in lingua) sulle abitudini di prenotazione dei “Viaggiatori Moderni” e sul modo in cui sono cambiate, influenzate dalle piattaforme social (e non solo).

Il punto focale della ricerca è il sentimento di “loyalty” e come si stimola nei consumatori, convincendoli a preferire uno (hotel o destinazione) su migliaia (di altri hotel e destinazioni) in un mondo in cui l’ampiezza della scelta causa delle serie difficoltà sia all’utente finale (che non sa come orientarsi) sia ai player del mercato (che devono inventarsi sempre nuovi modi per emergere, attirare l’attenzione e distinguersi). Ma come si conquista la fedeltà dei propri clienti?

Secondo Facebook, con la semplicità: soprattutto i giovani, sono più inclini a prenotare le strutture che forniscono la migliore esperienza di prenotazione, e ciò significa la più veloce, conveniente, integrata e meno dispersiva possibile.

Venendo ai numeri:

  • il 61% dei giovani (18-34 anni, americani) intervistati confessa di rimanere fedele ai brand che hanno siti web ottimizzati per il mobile oppure app destinate alla prenotazione.
  • Il 52% fornisce come spiegazione per la preferenza verso le travel agencies online la convenienza, oltre all’affidabilità.
  • Il 47% confessa che vorrebbe più integrazione fra le varie piattaforme e app, in modo da non dover saltare “di palo in frasca” per raccogliere informazioni e poi prenotare.

Quanto ai driver che influenzano più pesantemente le prenotazioni, comodità e un ottimo rapporto qualità-prezzo la fanno ancora da padrone:

  • Il 91% confessa di preferire le strutture che offrono la migliore accomodation per comfort e servizi offerti
  • L’87% fa riferimento alla costanza e affidabilità dei servizi offerti nel corso del tempo
  • Eppure, il 48% confessa di aver cambiato le proprie preferenze puntando verso brand più competitivi a livello di prezzo, quindi meno costosi.

Per quello che riguarda invece il rapporto fra prenotazioni e conversazioni online, il passaparola è ancora molto, molto importante. Anche se i clienti sono più aperti e disponibili verso i brand che cercano di instaurare delle conversazioni con loro, il principale punto di riferimento per cominciare una ricerca o fare una scelta è ancora il passaparola/consigli dagli amici.

  • Il 48% degli intervistati ammette di affidarsi ai consigli di parenti e amici per scegliere la meta delle proprie vacanze.
  • Il 42% trova che le raccomandazioni su prodotti “customizzati” e quindi ready-to-use siano molto utili e aiutino a evitare sprechi di tempo e risorse.
  • Il 76% di questi utenti utilizza Facebook per scovare informazioni o partecipare a discussioni relative ai viaggi (i propri, o quelli degli altri).

Tutto ciò come si traduce, strategicamente, per gli hotel che vogliono sfruttare i trend per incontrare la domanda latente sulle piattaforme, in particolare Facebook?

Con 3 “semplici” mosse:

  • Organizzando la propria offerta e proponendola nel modo più semplice ed economico per il cliente, a livello di prenotazione: siti web facili da navigare, tempistiche di attesa per il caricamento delle pagine annullate, un design user-friendly e immediato sono la base per organizzare un’offerta del genere, a cui aggiungeremmo software di prenotazioni integrati ai sistemi dell’hotel, e magari un’app dedicata, come ciliegina sulla torta. Tutti investimenti che, alla lunga, ripagheranno
  • Fornendo servizi e accomodation di qualità, costanza nel tempo e dimostrando la propria affidabilità per vincere – e mantenere – la lealtà dei propri clienti e trasformarli in “repeaters”.
  • Fatti vedere sui social! Organizza la tua presenza in modo da catturare l’attenzione del cliente, non stancarlo con continue e ripetute comunicazioni “istituzionali”, ma instaura un rapporto “privilegiato” con lui e una comunicazione basata sulla fiducia e sulla personalizzazione. Fallo sentire una persona, oltre che un numero di carta di credito, un ospite veramente gradito nel tuo hotel, qualcuno che conta e fa la differenza. Ascoltalo, rispondigli, sii presente per lui. Costa tempo e denaro, ma anche in questo caso, l’investimento avrà un ritorno che, a un certo punto, potrebbe diventare inestimabile.

Per studiare una strategia di vendita multicanale, integrata e smart, adatta alle tue esigenze – ma soprattutto a quelle dei clienti che speri di convincere a prenotare da te – contattaci tramite il form su sito web!

Ispirazione e traduzione da qui.

Related Posts