Piano impresa 4.0: incentivi fiscali e investimenti per il tuo hotel

piano-impresa-4-hotel

Prosegue nel 2018 con alcune novità ed altre certezze il piano di incentivi fiscali che coinvolge le imprese, in particolare il settore turismo.

Quello che è partito qualche anno fa come piano di incentivazione alla ‘rottamazione’ delle infrastrutture e degli accessori obsoleti (con particolare focus sulle tecnologie e sul digitale) continua ad arricchirsi di prospettive e possibilità per gli imprenditori e le aziende disposti ad investire nell’ammodernamento delle proprie strutture. Ad essere incentivati anche quest’anno sono gli acquisti di macchinari tecnologicamente avanzati, nell’ottica di migliorare la digitalizzazione dell’impresa e di dotarla degli strumenti adeguati per affrontare le nuove sfide dell’era 4.0 e le richieste di un segmento di mercato che non si ferma mai e anzi, ha preso a muoversi ad una velocità con cui è quasi impossibile tenere il passo.

Dagli arredi alle infrastrutture informatiche, dagli strumenti tecnologici ai software più aggiornati per approdare infine alla sovvenzione per i corsi di aggiornamento del personale, l’impresa turistica o l’hotel che desiderano rimettersi in gioco sulla corsa alla digitalizzazione (ma non solo) può usufruire degli incentivi del Piano Impresa 4.0 e in particolare:

  • A fronte di un finanziamento bancario per l’acquisto (anche in leasing) o il noleggio di attrezzature, impianti e macchinari, hardware e software può accedere ad incentivi e contributi in conto impianti (purchè acquistati nuovi di fabbrica).
  • A fronte di un investimento in formazione del personale dipendente può ottenere un credito di imposta del valore pari al 40% delle spese sostenute (per un massimo di 300mila euro per azienda) per corsi di formazione e aggiornamento su argomento vendite e marketing, informatica, tecnologie e produzione.
  • Con ordini effettuati entro il 31 agosto 2018 può usufruire di un incentivo in “Superammortamento” per l’acquisto di beni strumentali (anch’essi nuovi di fabbrica) che consente di ammortizzare un valore fino al 130% del costo di acquisto di quegli stessi beni.
  • Con ordini e acquisti effettuati entro il 30 agosto 2018 per impianti e strumenti funzionali all’upgrade digitale dell’azienda, alla sicurezza del lavoro in azienda ed alla migrazione verso un ambiente lavorativo più sostenibile (sia a livello ecologico che per la qualità dei servizi proposti, sia lato cliente sia lato fornitori) può accedere ad un incentivo di “Iperammortamento” che consente di ammortizzare un valore totale pari al 250%del costo di acquisto dei beni in oggetto, con un recupero fiscale del 36 per cento. Inoltre, c’è la possibilità di accedere ad un’aggiuntiva super-valutazione del 140% per gli investimenti in beni strumentali immateriali (ovvero software e sistemi IT, utili ancora all’upgrade digitale dell’azienda).

A questo link potete trovare la presentazione ufficiale del Piano nei dettagli.

 

Non dimentichiamo inoltre che, anche se i termini di adesione sono scaduti a febbraio, anche quest’anno sono state rinnovate le agevolazioni accessibili grazie al Tax Credit, ovvero il credito di imposta di cui usufruire in caso di ristrutturazioni e ammodernamenti delle strutture ricettive (hotel, B&B, villaggi turistici: unico limite, la presenza in ‘struttura’ di almeno 7 camere destinate al pernottamento degli ospiti). Tax Credit dà ancora accesso ad un incentivo fiscale con cui recuperare fino al 65% delle spese sostenute fino ad un massimo di 200mila euro, particolarmente interessante se consideriamo che permette di ammortizzare il valore degli acquisti effettuati non solo in ragione di ammodernamento degli immobili, ma anche per sostituire accessori, utensili e/o arredi interni della struttura stessa (come ad esempio le cucine e tutti gli utensili contenuti, oppure le attrezzature della spiaggia, o ancora gli arredi per il bagno, quelli delle camere e delle aree comuni – soprattutto in ottica di abbattimento barriere architettoniche e transizione verso l’eco-sostenibile – e persino quelle delle aree dedicate a segmenti di clientela particolare: aree giochi per bambini, nursery, etc.)

È possibile consultare il piano completo di azione relativo al Tax Credit e tutti gli aggiornamenti del caso sul sito Turismo e Beni culturali (qui).

Inserendosi nel Piano Strategico per il Turismo 2017-2022 le incentivazioni e agevolazioni potrebbero essere estese anche ai prossimi anni, con conseguenti vantaggi per tutte le imprese che effettueranno investimenti nell’ottica del miglioramento delle proprie infrastrutture, tecnologie e servizi.

Non ci resta che rimanere sintonizzati e attendere futuri sviluppi, pianificare correttamente e sfruttare gli incentivi messi a disposizione dal Piano…

Related Posts