Profilo aziendale LinkedIn: lo stai gestendo bene?

profilo-azienda-linkedin

Sapevate che su Linkedin, oltre al vostro profilo personale, potete gestire con successo anche il profilo della vostra azienda? Anzi: gestire correttamente un profilo azienda sulla piattaforma business che fa più rete al mondo dovrebbe essere uno dei punti essenziali della tua strategia. Tutti, prima o poi, si affidano a LinkedIn per cercare lavoro, proporre un lavoro, o anche solo per cercare informazioni a proposito di aziende e servizi, quindi “non esserci” potrebbe essere la scelta meno furba da fare, soprattutto di questi tempi.

Gestire in maniera completa e intelligente la propria presenza online ormai è d’obbligo, ma non esiste solo il vostro sito web, così come ormai non esistono più solo le Pagine Gialle… ogni tipo di cliente, ogni prospect o potenziale consumatore ha le proprie abitudini, e ormai ha imparato ad andare a cercare le informazioni che gli servono sulle varie piattaforme. Nel caso degli alberghi, consulta le recensioni su Tripadvisor e Booking, sente il parere degli amici su Facebook, cerca destinazioni e offerte su Google, alla fine approda anche sul sito web. Ad un certo punto, potrebbe persino decidere di visitare la pagina dell’hotel, o della catena alberghiera a cui appartiene, su LinkedIn: magari è solo in cerca di lavoro, magari decide di prenotare le proprie vacanze, già che c’è. Di sicuro se è un professionista del settore, magari in cerca della prossima venue in cui organizzare i propri meeting, LinkedIn sarà il primo step da cui partirà.

Recenti statistiche raccontano che la piattaforma lo scorso novembre ha raggiunto i 590 milioni di membri, con una crescita del 18% rispetto all’anno precedente, e continua a crescere al ritmo di due nuovi account al minuto (fonte, qui). Quindi, soprattutto, LinkedIn resta una delle migliori piattaforme tramite cui veicolare il proprio brand, coltivare la brand awareness e far parlare di sé in maniera positiva… agli addetti ai lavori, appunto, ma non solo.

Ecco allora qualche consiglio su come gestire al meglio un profilo aziendale su LinkedIn:

  1. Fare squadra: il profilo aziendale è un’opportunità per comunicare tutte le informazioni che vuoi su una piattaforma alternativa, ma è sempre il profilo personale a “metterci la faccia”, non dimenticarlo. Non dimenticare quindi di gestire bene le informazioni del profilo aziendale, e di cercare di coinvolgere i tuoi dipendenti nel fare “passaparola”.

Ci sono, infatti, delle attività che possono svolgere su piattaforma solo i profili personali (come condividere contenuti pubblicati sul profilo aziendale, mandare richieste per fare network fra le persone o messaggi privati, pubblicare articoli con Publisher) e altre attività che possono svolgere solo i profili aziendali (come attivare le sponsorizzazioni a pagamento per promuovere il brand).

Ricordate, quindi: a ognuno il suo (lavoro), ma il segreto è fare squadra!

  1. L’importanza della rappresentanza: le persone vogliono parlare con altre persone, quindi assicuratevi che ci sia sempre una forte rappresentanza di interlocutori, sia sul profilo aziendale che con profili personali collegati all’azienda
  2. La forma è tutto, ma anche la sostanza: anche e soprattutto su LinkedIn “fare buona impressione” è l’obiettivo primario e fondamentale. Come fare? Come con il proprio cv: mantenendolo sempre aggiornato con tutte le informazioni utili, essendo chiari e precisi, utilizzando le immagini giuste, spendendoci del tempo e impiegando le giuste risorse, ovvio.

Inoltre, sarebbe meglio creare contenuti nuovi e appositamente studiati: evitate i copia e incolla dalla home page del vostro sito web o dai comunicati stampa che inviate in giro, sarebbe controproducente oltre che inutile. Sforzatevi di essere utili in quello che dite, magari anche creativi, ma soprattutto evitate di essere ripetitivi!

  1. Quali contenuti veicolare, e come? Di sicuro tutte le informazioni che ritenete utili a proposito della vostra azienda, e nello specifico:
  • Assicuratevi di fornire un Sommario chiaro e conciso su chi siete e cosa fate
  • Fornite indicazioni precise e veloci su come contattarvi
  • Fornite link per gli approfondimenti (verso il vostro sito ma non solo)
  • Fornite degli esempi di come lavorate, che funzionano anche da referenze e passaparola positivo
  • Utilizzate un linguaggio chiaro, obiettivo, sintetico, non troppo difficile ma nemmeno troppo semplice, assicuratevi di evitare gli errori di battitura o quelli grammaticali, procedete per bullet point dove possibile (aiutano la lettura veloce e i lettori “pigri”).
  • Ottimizzate per SEO e mobile ogni testo che proponete su LinkedIn: non dimenticate che valgono anche qui le regole di indicizzazione e velocità di caricamento/consultazione
  • Usate gli hastag (sì, funzionano anche qui!)
  • Cercate di distinguervi dalla massa e dai competitor
  • Evidenziate i vostri punti di forza, impegnatevi nel migliorare in quelli di debolezza
  • Siate disponibili e attivi nelle risposte, a nessuno piace parlare coi muri
  • Fate rete, lo abbiamo già detto: con le persone, con i brand partner, con gli altri profili sui social media
  1. Attenti ai collegamenti: quelli fra le persone, ma soprattutto quelli che fornite nelle vostre comunicazioni. Assicuratevi che funzionino tutti, e che sia tutto a posto “dall’altra parte” (ovvero, nel sito web a cui state inviando click, che dovrebbe essere almeno mobile friendly, accattivante alla vista, user friendly e… maggiori info, qui).
  2. Pianificate, gente, pianificate: che stiate gestendo il vostro profilo personale o quello aziendale, ricordatevi le regole d’oro:
  • Mantenete attivo il canale (ciò implica di postare almeno 1 cosa a settimana, che siano articoli originali o contenuti condivisi)
  • Pianificate per argomenti, sforzatevi di mantenere una linea editoriale, investite nella qualità dei contenuti (articoli, ma anche video)
  • Siate attivi: fate rete, partecipate alle discussioni nei gruppi, coinvolgete il vostro network, cercate nuovi follow e nuovi collegamenti, promuovetevi, non caricate contenuti per poi abbandonarli al loro destino!

Ebbene sì, le cose da fare sono tante, e forse voi non avete il tempo di seguirle tutte… allora la soluzione è l’ultimo punto:

  1. Affidatevi a qualcuno che sa il fatto suo e come aiutarvi a gestire professionalmente questo canale.

Se avete bisogno di farvi dare qualche buon consiglio per la gestione dei profili social del vostro hotel, non esitate a contattarci suoi social, oppure cliccando qui e compilando il form che trovate online sul nostro sito…

Related Posts