Ristorazione e alberghiero: stai usando le soluzioni migliori per te e per i tuoi clienti?

ristorazione-alberghiero-tecnologie

Il tempo passa, ma la tua struttura ricettiva resta sempre la stessa: le camere avrebbero bisogno di qualche intervento per rinnovarle, ma ancora non te la senti, i servizi che offri sono pochi e, anche se pensati strategicamente, cominciano a non riuscire più a far fronte alle richieste sempre più “bizzarre” dei clienti, oppure non sai proprio più cosa inventarti per attirare nuovo business… o mantenere il vecchio.

Oppure, il problema è il tuo ristorante? Pochi o nessun cambio di menù nell’ultimo decennio (perché se il cliente ci si è affezionato non ha senso cambiare, no?), la ristrutturazione degli ambienti può aspettare un altro anno, così come il rinnovo del parco accessori e software per la gestione del business. E intanto la sala rimane vuota, i clienti vanno da quello che ha aperto in fondo alla strada o al fast food, e nessuno parla più del tuo ristorante sui social.

Restare fedeli a sé stessi può essere una buona strategia se si ha un marchio a forte connotazione, ma in un modo o nell’altro richiede sempre un certo grado di adattamento. Il tempo passa, e i gusti e le abitudini dei clienti cambiano, il settore si fa sempre più spietato nella competizione, e chi non si adegua alla domanda rischia di soccombere.

Nel settore ristorativo e alberghiero ci sono dei fondamentali da seguire e degli standard da garantire al proprio cliente/ospite. Fra questi, qualità e servizio stanno sicuramente ai primi posti, ma anche l’immagine ha la sua importanza, così come una gestione sapiente e consapevole può farti risparmiare tempo e denaro.

Ecco qualche piccolo consiglio su come migliorare le tue prestazioni, l’immagine del tuo hotel/ristorante e il modo in cui comunichi con i tuoi clienti:

  • Posizionamento sul territorio: come fanno i clienti a trovarti se non sanno chi sei o dove cercare? Il primo consiglio che ti diamo è: fallo sapere a tutti (dove sei e quello che fai)! Come? Con un po’ di furbizia:
    • Sfrutta il potenziale dei social: soprattutto Facebook e Google puntano sulla geolocalizzazione (localizzazione geografica) e con degli investimenti davvero minimi in ads ti posso aiutare a “far vedere” il tuo business alle persone che se ne trovano in prossimità e potrebbero essere interessate a venire a mangiare o a dormire da te. Non dimenticare, poi, che invitare i tuoi clienti a scattarsi una foto e taggarti/localizzarsi all’interno del tuo locale può essere un impagabile strumento di marketing gratuito (o quasi – lo vuoi regalare un free drink a quelli che lo fanno? A te costa poco o nulla, loro li puoi invogliare a raccontarlo agli amici…)
    • Sfrutta il potenziale delle piattaforme che lavorano con gps e localizzazione: al mondo non consulta più le pagine gialle ma delle varie app (gratuite o meno) che si propongono come navigatori, mappe o guide (con itinerari e consigli pratici, segnalazioni di hot spot come ristoranti, pompe di benzina, monumenti, stazioni di polizia, etc. etc. etc.)
    • Sfrutta il potenziale delle piattaforme e blog che propongono itinerari e tips di viaggio: essere inseriti fra i loro “consigli” può portare nuovo business e risposte insperate (sì, fra queste inseriamo anche Tripadvisor e le varie piattaforme di prenotazioni che, non a caso, hanno sempre dei blog molto attivi nello scouting dei “places to go”).
    • sfrutta le app food, soprattutto quelle per la consegna a domicilio dei pasti: nelle grandi città hanno preso piede, ci sarà un motivo no? Le commissioni che richiedono non sono altissime, e ti permettono di accedere ad una fascia di pubblico che probabilmente non metterebbe mai piede nel tuo ristorante (ma che puoi convincere a continuare ad ordinare il tuo cibo per gustarselo comodamente a casa… tanto il viaggio non lo fai tu!)
    • fatti una vetrina online (alias sito web) e aiutala a farsi notare: il tuo sito web è e deve restare lo strumento principale con cui venderti ai tuoi clienti. Non rinunciare all’opportunità di farti conoscere “come vuoi tu” solo per mancanza di budget o tempo per gestirlo, quello che risparmi delegando agli altri lo perdi in possibilità di fidelizzare il tuo cliente al tuo business. Quindi: metti in piedi un sito web semplice da navigare, che dia le informazioni essenziali e soprattutto che sia capace di convertire in clienti veri e prenotazioni, investi in SEO e SEM per farti trovare sui motori di ricerca (e magari rubare qualche click alla concorrenza) e poi pensa al lato offline della questione, che deve sempre risultare all’altezza delle aspettative, ovviamente…
  • Qualità e competenza: non lesinare sul prodotto che offri, dà una cattiva immagine di te e alla lunga ti fa perdere clienti. Lo stesso concetto si applica alle soluzioni “online” a cui ti affidi per promuovere il tuo business: il fai da te, soprattutto nella gestione social e del tuo sito web, non è più una strada percorribile. Scegli professionisti che siano in grado di affiancarti e aiutarti nella scelta di una strategia e nel metterla in atto, destina budget in maniera consapevole e oculata, ma non chiudere i rubinetti perché la consideri una “spesa inutile” (ricordi il punto 1? Se non sanno dove trovarti, da te non ci verranno!).
  • Immagine e affidabilità: come abbiamo detto, il marchio te lo devi costruire (Se non ce l’hai già, e in quel caso forse lo devi svecchiare/manutenere). L’immagine è tutto al giorno d’oggi, e si compone di caratteristiche visibili (la pulizia del tuo ristorante/hotel, la velocità e qualità del servizio, la posizione, l’atmosfera…) ma anche invisibili: i valori di cui ti fai portavoce, più o meno consapevolmente: proponi organic food, sei ecosostenibile, eviti gli sprechi, sei attento alle esigenze dei tuoi clienti, soprattutto quelli con “bisogni speciali”? È un bene, ma lo stai comunicando bene? E soprattutto, mantieni i tuoi standard con costanza e efficienza?
  • Comunicazione: non basta essere, bisogna comunicare, ricordare costantemente ai propri clienti cosa fate e come, ricordargli che quando scelgono il vostro hotel o ristorante scelgono il meglio, etc. etc.
  • Tecnologia: hai adottato le soluzioni giuste per le tue esigenze, ma quelle dei clienti? Il parco software e tecnologie per la ristorazione e l’alberghiero ormai offre delle soluzioni che solamente dieci anni fa potevano sembrare futuristiche, ma oggi sono realtà. Da una parte si punta a velocizzare e semplificare la gestione per l’albergatore/ristoratore (con i vari software che organizzano ogni aspetto della gestione ristorativa e/o alberghiera, dalle comande all’emissione delle ricevute, dal booking alla gestione dei clienti in house), dall’altra a solleticare la curiosità del cliente per le soluzioni più “fashion” e modaiole del momento: solo per fare un esempio, menu e ordinazioni su tablet, via direct message o whatsapp hanno preso piede (con buona pace di quelli che dicevano si sarebbe trattato di una moda passeggera) mentre l’intelligenza artificiale che tenta di gestire per il cliente alcuni dei momenti “in house” non è più fantascienza. Conviene scegliere questa strada e spingersi verso le soluzioni più futuristiche, con il rischio di spersonalizzare l’esperienza o “spenderci troppo”? Solo un’attenta analisi costi/benefici potrà dirtelo, ma tu facci un pensierino. Essere i primi costa, ma a volte è meglio che rimanere gli ultimi.

Insomma, le proposte e le soluzioni da adottare per migliorare le performance e l’immagine del tuo hotel o ristorante sono molte e molto varie: se non sai come orientarti o hai bisogno di un consiglio, puoi sempre chiedere a noi!

Contattaci suoi social, oppure compilando il form che trovi sul nostro sito, ti sapremo consigliare le soluzioni più adatte alle tue esigenze!

Related Posts