Social Media: i trend da sfruttare nel 2020

5-social-media-trend-2020

“Volere o volare, i social li devi sfruttare” dice il proverbio. O forse no, ma dovrebbe.

Anche nel 2020 si riconferma la necessità, per tutti i business ma a maggior ragione per quelli che (come hotel e ristoranti) “vivono” in parte anche grazie a passaparola, recensioni e consigli, di gestire bene la presenza sui social media.

Non di “subirla”, ma gestiva proattivmente, quindi.

Come, lo abbiamo visto nel corso del tempo in numerosi post (di cui ne riassumiamo qui qualcuno):

Oggi concentriamoci su alcuni trend che sarebbe il caso sfruttare in questo nuovo anno, per dare una “spintarella” ai profili social del vostro hotel o ristorante, in modo da renderli parte integrante di una buona strategia di gestione del marketing online finalizzato, come sempre, al boosting delle vendite.

Considerando che i social sono da sempre terreno fertile per sperimentazioni (a costi contenuti, fra l’altro) e che i trend cambiano alla velocità della luce, o meglio di un Tweet, ecco i 5 trend da monitorare e sfruttare nel 2020 per dare “quel tocco in più” alla vostra strategia social:

  1. L’influencer Marketing: lungi dall’essere caduto in disgrazia (nonostante i dubbi ancora sollevati sull’opportunità di sfruttare volti e profili più o meno noti per sponsorizzare il proprio business – fornendo camere e soggiorni/pasti “gratis” nella speranza di una recensione positiva, ad esempio), questo tipo di marketing continua a dare frutti. Se sfruttato con intelligenza.

È un fatto, dopotutto, noto a molti che le aziende stiano continuando a investire in questo tipo di azioni, e che i consumatori siano sempre più attenti all’advertising e alle pubblicità “classiche” (laddove “attenti” sta per “diffidenti”). Gli stessi consumatori sono molto più propensi ad acquistare se qualcuno che conoscono consiglia il prodotto… o se lo vedono nelle foto di Instagram del loro idolo del momento.

Sfruttare questo “circolo della fiducia” allargato (agli influencer, appunto) resta doveroso, ma senza farsi ingannare dai falsi d’autore: controllate sempre i profili che propongono le collaborazioni, cercate di farvi un’idea di quanto influenzino effettivamente le scelte dei loro follower, e non cedete nella tentazione dei “tot K” di follower, che alla fin fine si rivelano tutti comprati e non garantiscono interazioni.

Preferite sempre e comunque i numeri più piccoli, ma che possono vantare una piattaforma di utenti che li seguono davvero, interagendo in maniera attiva sui post.

Degli influencer abbiamo parlato già una volta, qui.

  1. Lo Shopping comincia sui social, ma non finisce lì. Il processo decisionale che porta all’acquisto (che si concluderà in via definitiva, se vi giocate bene le carte, sul sito web dell’hotel) inizia proprio sui social. Dalle foto degli amici, dai consigli, dai post sponsorizzati. Lì continua per un periodo, ma bisogna essere bravi a catturare e mantenere l’attenzione dei consumatori – potenziali clienti e, soprattutto, a portarli efficacemente sul sito web, appunto. E a non perderli prima della conclusione della transazione.

Qui e qui abbiamo parlato del processo di acquisto, dell’abbandono del carrello prima della conclusione delle transazioni, e dei consigli per rendere più efficace e meno dispersivo il sito web dell’hotel.

  1. Non sono solo storie, sono Stories!

Ebbene si, anche per quest’anno le Stories andranno per la maggiore, con punte di Tik Tok infilate qua e là. Se ancora non avete cominciato a farle o a dare loro una sbirciata, dateci dentro. Sempre con le solite controindicazioni, però: astenetevi, se non avete qualcosa di interessante da dire o da mostrare, e ricordatevi che a vincere nelle stories sono i punti di vista alternativi e la creatività.

Ne abbiamo parlato, dandovi i nostri consigli, qui.

  1. Più realtà di così, si aumenta. Sui social, cosi come sui siti web, sta prendendo piede il trend della Realtà Aumentata: video in AR, immagini 3D da esplorare dallo schermo dello smartphone e, parimenti, da girare utilizzando app e feature speciali. I device di uso comune si attrezzano per fornire sempre più spunti non solo di intrattenimento ma anche di produzione, sdoganando quello che solo fino a poco tempo fa era appannaggio di esperti movie maker.

Approfittatene per dare un punto di vista nuovo e “interattivo” sulle vostre camere, ad esempio, ai potenziali clienti.

  1. Chatbot e assistenti virtuali. Sono il trend del momento, le statistiche parlano chiaro. Vi racconteremo qualcosa di più specifico in uno dei prossimi post, per il momento sappiate che potrebbe essere una buona idea sfruttarlo per rendere ancora più accessibili, dinamiche e interattive le offerte si servizi in hous (ma anche facilitare le prenotazioni online, partendo da un semplice “Hey…”).

I chatbot, nello specifico, invece, possono essere integrati e utilizzati per fare un primo screening e fornire assistenza a livello “semplice” ai clienti, sia da social media che da sito web. Perché ricordate: uno dei processi fondamentali da gestire correttamente, oltre alle vendite, è quello del post vendita è, nello specifico, della Customer Care… Ne abbiamo parlato qui e qui.

Allora, cosa ne pensate? Siete pronti per accettare la sfida di questo 2020 social o avete bisogno di un piccolo aiuto? Nel caso, affidatevi agli esperti!

Ci potete contattare qui tramite form per studiare insieme una strategia vincente per questo nuovo anno, all’insegna di interconnessione, comunicazione e “socializzazione”…

Ispirazione per questo post: qui.

Related Posts